mercoledì 30 maggio 2012

Terra che trema

Il Terremoto è una brutta cosa. È quello che ho sempre sentito dire e che ho sempre potuto vedere attraverso le immagini dei telegiornali. Per me, poi, originario di una zona a un passo dall'Irpinia, i racconti di quel terribile Terremoto dell'80 sono stati sempre frequenti ed emozionanti: la sera del 23 novembre 1980 la mia famiglia era appena tornata dalla festa del mio battesimo. Sì... era il giorno del mio battesimo. I miei genitori mi hanno sempre parlato del terrore indescrivibile nel momento in cui tutto cominciò a tremare, la luce si spense facendo piombare tutti nel buio, il rumore e il fruscio all'esterno che rendeva tutto ancor più terrificante. La porta che non si apriva, e i pesanti lampadari che dondolavano fino a toccare il soffitto. Mia madre che per la paura perse il latte.
Ecco il racconto, impressionante, dei miei genitori.
Da domenica 20 maggio 2012 qualcosa al riguardo, purtroppo, posso raccontarla anch'io e, ahimè, tanta altra gente.

Doodle: Peter Carl Fabergé

Nel giorno del suo 166° compleanno, Google festeggia il gioielliere russo Peter Carl Fabergé con un Doodle formato dalla sue famose e Preziose Uova, nate all'epoca come regali commissionati dallo Zar di Russia.
Nel Doodle troviamo 6 uova preziose colorate al posto delle lettere di Google, con l'iniziale e la finale schiuse, a mostrarci così la "G" e la "e":

lunedì 28 maggio 2012

Stefano Benni - Achille piè veloce

All'inizio ne sono stato totalmente rapito. Poi, verso la fine, a mio parere si è perso un po'.
"Achille piè veloce" è la storia di un'amicizia particolare, nata grazie a un contatto particolare tra due persone... particolari; Ulisse, scrittore e lettore di professione per una Casa Editrice non proprio di successo, riceve una lettera da un certo Achille. La lettera (e l'autore) incuriosisce non poco il nostro protagonista, e allora ecco che i due si conoscono e iniziano un'amicizia fatta di racconti e confessioni. Achille è un ragazzo disabile, affetto da una rara e atroce malattia che lo costringe a vivere in isolamento nella sua camera, su di una sedia a rotelle supermoderna, con una madre protettiva e amorevole, e un fratello cinicamente ambizioso. 
Insomma, il libro si legge volentieri, ma col passare del tempo credo si perda qualcosa. Il finale non è a mio parere tra i migliori, e la conclusione in sé, soprattutto le ultime righe, non mi hanno assolutamente convinto. La battuta conclusiva di Ulisse, poi... non so, non l'ho capita.
Una buona storia che riesce a lasciarci qualcosa di buono, qualche riflessione sul modo di vivere che vale la pena far propria, e un personaggio come Achille che spicca per la sua forza, ma che non convince per colpa di un finale a tratti prevedibile, a tratti incomprensibile.
Non il miglior libro di Stefano Benni.
(VOTO: 6 - Sufficienza piè veloce)

domenica 27 maggio 2012

La Riapparizione (sbagliata) delle H

Più di un mese fa avevo scritto un post dal titolo "La Scomparsa delle H (e non solo)". Il post era una sorta di "denuncia" al maltrattamento a cui la nostra povera lingua viene giornalmente sottoposta ai tempi dei social network, ai tempi della Società della Comunicazione. Trovo preoccupante, sinceramente, commettere errori come "Giulio a comprato una bici" o "Giulia e una ragazza molto bella". Ma, si dice, finché gli errori sono commessi dall'Uomo della Strada tutto ciò potrebbe anche  (ma anche no) passare. Quando invece errori del genere vengono commessi (più di una volta) anche dal Giornalista della Redazione... allora la mia preoccupazione credo sia più che comprensibile.
Oggi, mentre leggevo un articolo sul Corriere dello Sport riguardo la sfortunata gara della Pellegrini, ecco che mi sono imbattuto magicamente nella "Riapparizione della H".
In questo caso, non ne sentivamo certo la mancanza...

mercoledì 23 maggio 2012

Doodle: Robert Moog

Bellissimo il Doodle dinamico di oggi, dedicato al 78° anniversario della nascita di Robert Moog: un vero e proprio piccolo sintetizzatore. Il Doodle, infatti, si può davvero suonare, combinando diversi effetti e, infine, addirittura registrare le nostre creazioni e riascoltarle. I tasti per regolare gli effetti e i collegamenti al registratore, poi, riprendono la scritta "Google". Insomma... davvero un gran lavoro per questo Doodle che celebra uno dei pionieri dei sintetizzatori a tastiera.
Buon sound.

martedì 22 maggio 2012

Coppa Azzurra

Gli impegni lavorativi ultimamente mi stanno un po' complicando l'aggiornamento del blog... ma non potevo fare a meno di trovare qualche minuto di tempo per festeggiare la Coppa Italia del Napoli!
Era da bambino che aspettavo di poter festeggiare un trofeo del Napoli, dai tempi di Maradona, degli Scudetti, della Coppa Uefa, della Coppa Italia e della Supercoppa Italiana. Ricordo bene la vittoria della Coppa Uefa (il 3-3 a Stoccarda ce l'ho ancora negli occhi, nonostante fossi davvero un bambino) e il Secondo Scudetto. Immagini di festa sfumate, felicità enorme, spensierata, come solo quella di un bimbo può essere. 
Poi sono cresciuto... e il Napoli è morto. 
Ecco allora la rinascita, dalla Serie C... con la scalata fino all'arrivo in Serie A, la qualificazioni in Europa League, quella in Champions, onorata fino alla fine, eliminati soltanto dalla squadra che poi si è rivelata la vincitrice della competizione. Ed infine eccolo... il trofeo: la Quarta Coppa Italia della storia azzurra.
Aspettavo questo momento da anni, e finalmente domenica è arrivato. 2-0 alla Juventus Campione d'Italia, fino ad allora imbattuta e a caccia della decima Coppa Italia che gli avrebbe regalato la Stella d'Argento.
Ma la Stella Argentata non è arrivata, perché il Napoli voleva fortemente quel trofeo, che mancava da tanto, troppo tempo. 
Finalmente festeggio il mio Napoli, nel presente, archiviando le vittorie che ricordavo da bambino nell'album dei ricordi sportivi più belli.
Un grazie a tutti coloro che hanno indossato la maglia azzurra con la passione che soltanto questa sa regalare, e un particolare saluto al Pocho Lavezzi: grazie di tutto, ci mancherai...

domenica 13 maggio 2012

Doodle: Festa della Mamma

Non poteva mancare un Doodle per festeggiare oggi la Festa della Mamma.
Il Doodle dinamico all'inizio ci mostra soltanto la mamma "g" blu (con collana di perle al collo); subito dopo, da una porta spuntata dal nulla, ecco i suoi due figli, le due "o", una gialla e una rossa, con un fiore viola in mano da donare alla loro mamma con abbraccio annesso. Infine, tutti in posa con l'arrivo della "G", della "l" e della "e" per completare il logo.
Auguri a tutte le Mamme, soprattutto alla mia. :D




sabato 12 maggio 2012

Stefano Benni - Elianto

Negli Universi c'è un gran rumore.
"Elianto", il libro fantasy di Stefano Benni, ci regala un fantastico viaggio attraverso il rumore dei Sette Mondi Alterei (più la Terra) descritti nella storia. 
Il giovane Elianto, che vive a Tristalia, è malato. Bizzarri personaggi (da un trio di Diavoli a un guerriero accompagnato da due minuscoli "yogi") viaggeranno attraverso i Mondi Alterei alla ricerca di un elisir che possa guarire Elianto dal misterioso "morbo dolce". Il ragazzo, infatti, è l'unica speranza per la vittoria delle Contee sul terribile Governo. 
Le storie dei bizzarri personaggi (tre gruppi) si svolgeranno in Mondi diversi, in cui Benni dà pieno sfogo alla sua straordinaria fantasia. Tra satira (Tristalia, la descrizione dei "presidenti", il controllo della paura) e avventura, lo scrittore bolognese riesce in un'impresa davvero difficile: concentrare in un solo romanzo tanti racconti, personaggi, mondi, senza farci perdere e, anzi, a tenerci lì incollati al libro e al letto di Elianto, nella Villa Bacilla tra amici e nemici. Una lucida e divertente visione di altri mondi e persino dell'aldilà, che riesce a divertire e, perché no, anche riflettere su quella Tristalia che, oggi più che mai, sentiamo molto più vicina alla nostra Italia. Chissà, forse un giorno arriveremo anche noi a giocarci la luce e il gas in un quiz televisivo...
Intanto, nella prossima notte di Luna Piena, cercherò anch'io di intravedere sulla parete uno scorcio della mappa nootica...
Sì, negli Universi c'è un gran rumore...
(VOTO: 8 - Altri Mondi)

mercoledì 9 maggio 2012

Doodle: Howard Carter

Nel giorno del suo 138° compleanno, Google ha dedicato un Doodle statico all'archeologo ed egittologo britannico Howard Carter, famoso soprattutto per la straordinaria scoperta della Tomba di Tutankhamon.
Il Doodle raffigura l'archeologo che contempla le sue scoperte, con la scritta "Google" in grigio subito dietro di esse. 

venerdì 4 maggio 2012

Fringe (Stagione 2)

Dopo aver apprezzato tantissimo la prima stagione, posso ritenermi soddisfatto anche della seconda stagione di Fringe.
La Serie TV ha saputo mantenere tutte le caratteristiche che avevano fatto della prima stagione una vera e propria perla di Serial Sci-Fi. Il finale di stagione scorso mi aveva entusiasmato, rivelandosi un finale finito e aperto allo stesso tempo. 

***SPOILER***

Doodle: Keith Haring

Google dedica un Doodle al pittore/writer Keith Haring, nel giorno del 54° anniversario della sua nascita. L'artista statunitense, scomparso a soli 31 anni, è diventato famoso nel mondo grazie ai suoi Graffiti e Murales, alcuni dei quali anche in Italia. Un'arte nata nelle metropolitane, illegale, ma che è diventata immediatamente una pop-art riconoscibile e apprezzata in tutto il mondo.
Il Doodle è formato dalle lettere di Google rappresentate dai suoi omini colorati, come detto riconoscibili a tantissimi, presenti ormai in molti gadget e t-shirt.
"L'arte è per tutti, e questo è il fine a cui voglio lavorare", diceva Haring. Peccato che per quel fine abbia avuto davvero poco tempo.

martedì 1 maggio 2012

Doodle: Festa dei Lavoratori

Iniziamo il mese con il Doodle che Google dedica al 1° maggio, la Festa dei Lavoratori.
Il logo del motore di ricerca è in ferro, completo di staffe e bulloni. A sollevarlo è un operaio in tuta blu e casco giallo; l'operaio può però benissimo essere anche un'operaia, vista l'ambiguità (penso voluta) del disegno. A completare il Doodle una cassetta degli attrezzi rossa ai suoi piedi.
Viste le notizie di questi giorni (mesi, direi), c'è poco da festeggiare: i continui suicidi di gente disperata dopo la perdita del lavoro, o sommersa da debiti insostenibili, la mancanza di posti di lavoro, il continuo aumento di prezzi e tasse, un Governo ormai sempre più distante dal cittadino medio (che sta sempre più in basso). Un periodo davvero buio, questo.
Comunque... buon primo maggio a tutti i lavoratori e, soprattutto, oggi più di altri giorni, un grosso in bocca al lupo a tutte le persone che cercano un impiego in un Paese ormai sempre più sordo alle loro richieste.