venerdì 16 novembre 2012

Quella Casa nel Bosco (2012)

Cinque ragazzi in una casa nel bosco, per passare un week-end di piacevole relax. Ci sono tutti: la ragazza facile e quella difficile (più o meno), il belloccio e l’intellettuale, e persino il buffone. Quando poi arrivano gli zombie a seminare panico, orrore e sangue tra la giovane compagnia, ci sembra quasi scontato di trovarci di fronte a uno dei soliti film horror-adolescenziali. Ma la scena iniziale di "Quella Casa nel Bosco", e qualche sequenza successiva che ci mostra altri personaggi nella trama del film (seppur a volte un po’ troppo sopra le righe – come tutto il film, sia chiaro – quasi da sembrare poco credibili), ci fanno sperare in qualcosa. Qualcosa che arriva verso l'ultima mezz'ora del film. E che mezz'ora...
L’idea originale finalmente viene sfruttata (forse non pienamente, però), e così il film si rivela qualcosa di più di uno scontro tra ragazzi e zombie in una casa isolata in un bosco. Assistiamo così alla messa in scena di un vero e proprio “Bestiario” (molto carina la scena dell’ascensore...), violento e feroce, che sembra non lasciar scampo; a nessuno. 
Il motivo del grande gioco in cui i poveri ragazzi sono finiti potrebbe sembrare un po’ troppo fantasioso, ma in una storia del genere ci sta. Il film finisce, forse, proprio sul più bello. Mi sento di concordare anch'io con una delle protagoniste: «Avrei voluto vederli»...
(VOTO: 7 - Horror Party)

Nessun commento: