giovedì 17 gennaio 2013

Revolution

È partita la nuova Serie TV prodotta, tra gli altri, da JJ Abrams. Dopo il flop di "Alcatraz", per cui non è stata (giustamente) rinnovata una seconda stagione, ci aspettiamo sicuramente di meglio da "Revolution". La prima puntata sembra poterci far sperare in meglio, ma i 20 episodi previsti rischiano come sempre di allungare il brodo di una storia che sembra interessante, ma che, appunto, speriamo di non veder allungata all'inverosimile con puntate inutili e finti misteri risolti in pochi minuti. 
In "Revolution", il mondo intero si ritrova all'improvviso... spento. Ogni tecnologia di colpo si rivela inutile, senza vita, senza più alcun possibile utilizzo. Cos'è successo? Ovviamente qualcuno sa... e si tratta di Ben Matheson. Con lui, a sapere qualcosa in proposito sembra essere Miles, il fratello di Ben.
Ritroveremo i due quindici anni dopo, con il mondo ancora "spento" e gli uomini ridotti a società organizzate su forme di governo pre-rivoluzione industriale.
L'idea di Eric Kripke (il creatore di Supernatural) sembra buona, anche se non del tutto originale. Staremo a vedere come verrà sviluppata nei prossimi 19 episodi, alla ricerca delle cause dello spegnimento, e sul mistero del pendente USB che sembra poter nascondere proprio la verità.

Nessun commento: