martedì 23 luglio 2013

Povia VS Beatles

Pensavo si trattasse di una delle solite prese per il culo nei confronti del povero Povia. Invece mi sbagliavo. 
Stavolta è lui stesso a prendersi per il culo, pubblicando sul suo profilo Facebook quest’immagine (di un suo fan?) che elenca alcuni punti dove si fa un confronto tra Povia e... i Beatles. Sì, abbiamo capito bene. L'impegnato cantautore italico pubblica orgogliosamente l'immagine aggiungendo queste ricercate e modeste parole:
Tralasciamo il "Buongiorno italiani, su le mani!". Concentriamoci però subito sulla sua modestia, che da grande artista qual è non riesce proprio a nascondere. Le cose scritte su di lui sono vere. Certo. Ma, si chiede, quelle sui Beatles sono davvero vere? Davvero erano una "boyband costruita di bimbiminkia"? (Che, tra l'altro, questo pseudo fan manco l'ha scritto che i Beatles erano dei "bimbiminkia"... ma lasciamo perdere va. Fa tutto lui...)
Poi però prova a far finta di scendere dal piedistallo: "Naaaa! Le loro canzoni erano troppo belle dai...". Penso che dopo queste poche righe, l'eco dei "Ma vai a cagare" alzati in coro sia arrivata a scuotere la Muraglia Cinese.
Infine arriva la solita puntualizzazione sui "bimbiminkia" (ma quanto gli piacciono!): "Scommetto che arriveranno commenti in bimominkiese" (sei più che perdonato per l'errore). 
Passiamo adesso alla "simpatica immagine" che gli hanno segnalato:
Ok, analizziamo l'impietoso confronto punto per punto: 

Nel 1° il manifesto ci dice che Povia è Italiano, mentre quei poveri coglioni di Liverpool no, e anni fa non avevano di meglio da fare che cantare in inglese in Inghilterra. Ma si può? Da domani prenderò a insultare chiunque mi sta sulle palle dicendogli: "Non italiano"! Che poi riguardo il suo essere italiano, e cantare quindi canzoni in italiano, credo che a volte sia meglio sentire una canzone in fiammingo e non capirci una mazza, piuttosto che ascoltarne una in italiano e capire che i bambini fanno “oh”, i piccioni fanno “grrr” (o qualcosa del genere), e che alcuni gay si sposano per mascherare la loro più che legittima omosessualità, ma che grazie a personaggi che la pensano come Povia hanno ancora qualche difficoltà nell'accettarsi. Vero Luca?
Subito dopo il nostro "fan" ci dice che Povia è fedele alla Patria (oddio... "Patria" scritto con la lettera piccola, comunista!), mentre i demoniaci Beatles sono soltanto dei poveri Servi del Consumismo. Ora: non so se Povia abbia fatto il Militare, ma se l'ha fatto come l'ho fatto io, l'ha servita proprio bene la Patria... Altrimenti, sarei curioso di sapere com'è che il cantautore patriota serve la sua Italia, perché se si riferisce a ciò che ci propone musicalmente... come si dice? Ah, sì... Povera Italia...
Sui Beatles Servi del Consumismo si potrebbe addirittura ribaltare la questione, dicendo che per molto tempo è stato il Consumismo servo dei Beatles. Non di Povia, certamente.
Il 3° punto ci parla di "Messaggi positivi ai giovani" da parte di Povia, mentre quei tossici dei Beatles istigano semplicemente alla droga. L'equazione è semplice: visto che per ascoltare per intero la discografia di Povia credo ci sia bisogno di strafarsi, gli unici a poterla ascoltare, secondo il fan in questione, sono proprio i fans dei Beatles. Morale della favola: menomale che esistono fans drogati dei Beatles; almeno qualcuno avrà la forza di ascoltarsi Povia sbraitare minchiate su gay, eutanasia e Patria.
Nel 4° troviamo un Povia contro il Signoraggio, mentre i Beatles Servi (aridaje!) degli Illuminati. Sempre più convinto che chi ha scritto 'sta roba sia alla fine un fan dei Beatles (ricordate? Istigano alla droga...), mi chiedo se servano tutte queste parolone e questi proclami per nascondere una sacrosanta verità: Povia non se lo caga nessuno; i Beatles l'Universo intero.
Ancora: "Povia è diventato famoso impegnandosi". I "Beatles sono stati ideati da un Produttore". Mettiamola così: Povia è diventato famoso grazie a una canzone orribile e mielosa sui bambini, e visto che argomenti del genere, si sa, prendono tanto il popolo italico a lui caro, il buon Bonolis ne ha fatto in breve tempo un caso nazionale. Insomma, una brutta filastrocca delle elementari diventata tormentone in Italia. Capita spesso. Per quanto riguarda i Beatles: Produttore Santo Subito.
Nuovo punto: Povia è un "artista vero a 360° gradi". I Beatles, invece, lo sanno anche le pietre... sono artisti finti, e le canzoni le scrivevano i (santi) produttori già citati. Allora: se artisti veri vuol dire scrivere delle cagate, e artisti finti farsi scrivere canzoni che resteranno nei secoli dei secoli da terribili produttori... qualcuno, per caso, conosce un terribile produttore che mi scriva una canzone (solo una, mi basta!) alla Beatles? Grazie.
Infine, il nostro Giuseppe Povia in arte Povia scrive testi con argomenti scomodi che nessuno dice (?!), mentre i Beatles testi con Bestialità, Droga e Zoofilia. Insomma, non era Povia a scrivere testi con argomenti scomodi?
Ok, Povia e gli argomenti scomodi, sociali, che toccano temi importanti. Sì, effettivamente in qualche canzone c'ha provato... peccato che gli sia riuscito malissimo. Anch'io posso parlare di fissione nucleare, ma se lo faccio descrivendo che la fissione avviene inserendo una mentos in una bottiglia da un litro e mezzo di coca-cola... ovvio che non mi aspetto elogi e premi, o magari pure il Nobel per la Fisica. Quindi... siamo seri: per cantare certi temi, affidiamoci ad altri cantautori, gente che sa bene di cosa sta parlando.
Per concludere invito tutti a visitare la sua straordinaria pagina Facebook: troverete chicche come questa, sue perle di saggezza e... sì, anche qualche sua canzone. Per quelle niente panico: basta non schiacciare il tasto "Play". Per tutto il resto... c'è Povia.
Capito Bimbiminkia?!

Nessun commento: