domenica 6 luglio 2014

Homeland (Stagione 3)

In una storia che pian piano si allungava e diventava sempre più difficile da gestire, era naturale l’arrivo di una flessione. È quello che è successo, secondo me, a “Homeland”, arrivato alla Terza Stagione. Già dai primi episodi si comincia ad avvertire un certo senso di piattezza, interrotto finalmente da un buon colpo di scena che sembra rimettere tutta la Stagione in carreggiata. Ma non basta. Brody è un personaggio ormai molto complicato da gestire, nonostante gli sforzi degli Autori che, ovviamente, lo sanno bene.    
La Terza Stagione vede una Carrie ancor più protagonista, con un Nicholas Brody, appunto, che stenta a emergere, cercando di tornare protagonista negli ultimi episodi.
Le crisi adolescenziali della figlia dell’ex marine all'inizio della Stagione non aiutano la Serie. Poi, ripeto, “Homeland” sembra ripartire, ma con la sensazione di non poter fare di più rispetto alle due Stagioni precedenti. Così è.
Il Finale di Stagione potrebbe essere un discreto finale di tutto, ma non passerà molto tempo prima dell'annuncio di una Quarta Stagione. E sinceramente non so cosa aspettarmi.
(VOTO: 6+ - Cacciata la Spia)

Nessun commento: