domenica 20 giugno 2021

Dylan Dog 417 - L'Ora del Giudizio

Si conclude con l'Albo numero 417, "L'Ora del Giudizio", la storia in due episodi iniziata lo scorso mese con "Il Detenuto". E se il mio giudizio era stato positivo per quanto riguarda la prima parte, non lo è per quanto concerne questa seconda. Con il nostro Dylan in prigione, in questo nuovo e conclusivo episodio arriva la resa dei conti. Cambiano gli autori della storia, e nell'introduzione di Recchioni ci si chiede come se la possano cavare due nuovi autori su una storia lasciata a metà da altri. Ve lo dico io: maluccio. 
Insomma, sinceramente sono proprio stufo di tutte queste storie che si riducono alla solita solfa onirico-psicologica; sì, siamo bravi tutti a buttarla sullo psicologico. Io sono di quelli che da una storia dell'orrore si aspetta orrore, mostri, sangue; lasciamo perdere le pippe mentali, perché altrimenti ogni storia finirebbe e si spiegherebbe con una roba del genere. Come, ahimè, in effetti sta succedendo un po' troppo spesso...

Sulla storia ho poco da dire: sblocchiamo questo, superiamo quest'altro trauma, e così via. Bene, bravi. Anzi, no. Alla fine, oltre al difetto principe già accennato, trovo addirittura che così confezionato questo Albo risulti quasi scollegato dal precedente: se non avessi letto "Il Detenuto", forse non sarebbe cambiato nulla. Pensate un po'...
E poi, non è questo il caso (ma quasi), riguardo una storia ripresa da altri autori, è un po' come se qualcuno mi affidasse una storia incompleta, e non sapendo minimamente dove andare a parare, la butterei sul solito "Tadan! Era tutto un sogno!". Che noia, ragazzi! In queste storie datemi davvero un poliziotto psicopatico che fa a pezzi le sue vittime e palleggia con la sua testa fischiettando l'inno degli Europei. E no, che alla fine non sia tutta una sega mentale del tizio o della tizia traumatizzata da questo o quell'altro ricordo. Ripeto: che palle...
Unica nota valevole di segnalazione: all'Albo, dopo quella in regalo con il "Il Detenuto", è allegata una nuova Medaglia: quella di Groucho.
Buona psicanalisi a tutti. 
(VOTO: 5 - Ennesimo viaggio mentale...)

4 commenti:

  1. Bo, non so, a me è piaicuto, che ti devo dire, forse mi accontento delle pippe mentali sulla psicanalisi. Forse sono troppo affezzionato a DD per non vedere che non è un granché. Mi è piaicuto di più questo epsiodio, del precedente se devo dire la verità. Ma le tue idee sul come fare un DD mi paiono interessanti, questo sì...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma alla fine si tratta sempre di gusti. Storie del genere piacciono molto, e devo dirti che piacciono anche a me... ma non a grandi dosi. Forse sono rimasto un po' deluso dopo una prima parte che speravo potesse sfociare in qualcosa di molto più reale, invece di "mentale".

      Elimina
  2. Per me vale merita almeno il sei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, come ho scritto sopra, alla fine è un giudizio personale. Mi aspettavo molto di più!

      Elimina