sabato 23 gennaio 2021

February - L'innocenza del Male (2015)

Qualche giorno fa sono andato a guardare quali fossero i film in scadenza nel catalogo Prime Video. Tra tutti, ho deciso di non perdermi un film di cui qualche tempo fa avevo sentito parlare bene: "February - L'innocenza del male" (brutto adattamento del titolo originale "The Blackcoat's Daughter"). Aver scoperto, poi, che una delle protagoniste del film era Emma Roberts, ammetto che ha contribuito parecchio nella scelta di guardarlo nonostante la stanchezza post-lavoro nelle giornate di questa settimana. 
Nel film troviamo le vicende delle adolescenti Kat e Rose, che si ritroveranno a essere le uniche due alunne rimaste nella Scuola Cattolica che frequentano durante le vacanze. Ma se a Rose la mancata partenza per le vacanze sembra non dispiacerle affatto, non sembra essere lo stesso per Kat. Quest'ultima, inoltre, mostrerà comportamenti alquanto inquietanti, e per la povera Rose sembrerà profilarsi una convivenza non certo semplice. Alla storia delle due, s'intreccerà anche quella di Joan, una giovane paziente psichiatrica fuggita dalla clinica in cui era reclusa. Ma cosa lega i destini delle tre ragazze? 

sabato 16 gennaio 2021

Tamsyn Muir - Gideon La Nona

Avevo proprio voglia di leggere qualcosa di particolare, e l'uscita in Italia di "Gideon la Nona", della Scrittrice neozelandese Tamsyn Muir, è stata l'occasione giusta. Un libro, questo, che mescola Fantasy e Fantascienza; più Dark Fantasy, a dire il vero, ma il fatto di trovarci a che fare con viaggi tra oscuri Pianeti, pardon, "Case", rende giustizia anche all'altro genere; ma sia chiaro... io un giro in quei posti non me lo farei per niente. E non si tratta soltanto della mia paura di volare.
La storia narrata in questo bel libro è quella della Paladina (suo malgrado) Gideon, al servizio (ancor più suo malgrado) della Reverenda Figlia della Nona Casa, Harrowhark Nonagesimus. Tra le due, infatti, come potremo capire fin da subito, non c'è un rapporto idilliaco. L'Imperatore, però, ha invitato a un torneo gli eredi delle sue fedeli Case, che alla fine dovrà far emergere una sorta di onnipotente servitore della Resurrezione. Per trionfare, ogni erede di ogni Casa ha bisogno di un/a paladino/a, e quella di Harrow sarà proprio l'irriverente Gideon. Negromanzia, magia, violenza, orrori: troviamo tutto questo in "Gideon la Nona". Il torneo, infatti, vedrà la partecipazione, oltre ad Harrow e la sua paladina, anche degli Eredi di altre Case, ognuna di esse specializzata in qualcosa di oscuro, sempre a che fare con le Arti Negromantiche. Tutto davvero molto bello e interessante, a parte qualche piccolo problema iniziale...

martedì 12 gennaio 2021

Dylan Dog 411 - Il Terzo Giorno

Credo che il fatto di leggere un Albo, e più precisamente di finire una Mini-Serie, dopo più di un mese dall'uscita dell'ultimo capitolo, dica già tanto. Ho già espresso più volte il mio scetticismo per i "cicli" di Dylan Dog, tutti a mio parere deludenti, e quello di Mana Cerace non ha fatto eccezione. Con l'ultimo Albo della Trilogia del Buio, "Il Terzo Giorno", si conclude così una storia - spalmata su ben 3 volumetti da 98 pagine - di cui ci si scorderà abbastanza presto. Non che l'ultimo capitolo, così come i precedenti due (soprattutto il primo), siano brutti. Il fatto è che, a mio parere, non sono neanche belli. Dopo un buon inizio, già sul secondo Albo ho cominciato a faticare. Speravo però in un finale coi botti, cosa che non è avvenuta. Anzi, senza fare come sempre alcuno spoiler, la piega che pian piano si è data al personaggio di Mana Cerace non mi è piaciuta per niente; ma sono gusti personali. Sicuramente qualcuno l'avrà trovata una figata...

sabato 9 gennaio 2021

It Comes at Night (2017)

Esplorando il Catalogo dei Film Horror presenti su Prime Video, mi sono imbattuto in "It Comes at Night", che veniva così descritto: "Un padre non si ferma di fronte a nulla per proteggere la moglie e il figlio da una presenza che li terrorizza". La mia attenzione, da buon amante degli Horror, si è concentrata sulle ultime quattro parole: presenza che li terrorizza. È così che mi sono deciso a guardarlo, e dopo un'ora e mezza circa di visione, la prima cosa che mi viene da scrivere in questo post è di lasciar perdere quella descrizione. Il film, in realtà, non è propriamente un Horror. Ha i suoi bei momenti di tensione, certo, ma qui ci troviamo di fronte a un classico film "post-apocalittico". La Società intera, infatti, sembra essere stata contagiata da una malattia letale e misteriosa, che l'ha decimata. Qui però seguiamo le vicende di una sola famiglia, quella di Paul, che con sua moglie Sarah e il loro figlio adolescente Travis, vive isolata in una casa nei boschi. Il film si apre con una scena subito forte: la sorte di un altro membro della famiglia, il vecchio Bud, contagiato e malato. 

giovedì 7 gennaio 2021

Intro e Riff Leggendari: Forma e Sostanza

Dopo aver parlato del leggendario riff di "(Don't Fear) The Reaper", voglio parlare di un pezzo altrettanto leggendario, ma ahimè meno famoso, e tutto italiano (meno famoso forse proprio per questo). Qui, a dire il vero, più che parlare di un riff o di un intro, siamo di fronte a una canzone che è tutta leggenda. Anzi, di un album intero. Contenuta nello straordinario "Tabula Rasa Elettrificata" dei C.S.I. (Consorzio Suonatori Indipendenti) del 1999 (arrivato, vero e proprio evento, al primo posto della Classifica dei Dischi più venduti in Italia), "Forma e Sostanza" a mio parere ha uno degli intro, e poi subito dopo uno dei giri di basso, più belli e ipnotici della storia del rock italiano. Il basso di Gianni Maroccolo (che ho avuto la fortuna di veder suonare dal vivo con i Litfiba durante il Trilogia Tour) è patrimonio dell'umanità. O, per chi crede, come ha detto in un'intervista Giovanni Lindo Ferretti, la prova dell'esistenza di Dio...


Ma cosa aggiungere ancora su questo pezzo? Cosa dire dell'intro? Cos'altro dire sul basso di questa canzone? Lasciamo stare i tecnicismi, perché per quanto riguarda la tecnica, io di Musica arrivo a suonare la mia povera chitarra con accordi e qualche scala. Punto. Ma qui, come nei grandi capolavori, basta semplicemente ascoltare...

martedì 5 gennaio 2021

Carte da Gioco: Topolino FIAT Cinquecento

Continuiamo il viaggio attraverso i mazzi di Carte da Gioco della mia collezione, con un altro mazzo allegato al settimanale Topolino negli anni '90. Siamo nel 1993, stavolta, e come Sponsor tocca alla FIAT Cinquecento. L'auto ebbe un buon successo, nonostante quella versione non richiamasse per niente la storica 500 a cui gli italiani si affezionarono molti anni addietro. Uno sponsor "da grandi", quindi, per un mazzo di Carte allegato a un settimanale "da piccoli". Ma questo mazzo di Carte da Poker, ancora una volta firmato Modiano, è davvero molto, molto bello, visto che stavolta troviamo delle Figure a tema Topolino... su tutte le Carte! Sì, ogni singola Carta da Gioco ha l'immagine di un volto di un personaggio del mondo di Topolino, che sia un Asso, un Tre, un Otto o un Re. E tra i vari personaggi, vista l'abbondanza delle Carte (52, più 2 Jolly), ne troviamo anche alcuni davvero poco conosciuti. Ma andiamo con ordine...

lunedì 4 gennaio 2021

Bram Stoker - Dracula!

Tra i libri letti nel corso del 2020, l'Oscar "Drago" Mondadori "Dracula!" è stato, senza ombra di dubbio, uno dei più belli. E tra gli ormai tanti Draghi della mia collezione, questo è uno dei miei preferiti in assoluto. 
Si tratta infatti di un volume straordinariamente completo, ricco, affascinante, che al meraviglioso romanzo di Bram Stoker aggiunge, grazie allo straordinario lavoro di Franco Pezzini, tanta, tanta altra roba interessante. Si comincia infatti subito con un racconto postumo, "L'Invitato di Dracula", pubblicato grazie alla moglie di Stoker nel 1914, e che inizialmente era stato pensato come l'inizio dell'opera vera e propria. Poi arriva il romanzo, che non ha bisogno di presentazioni, ma che le merita tutte e sempre: è davvero un romanzo bellissimo, che si legge tutto d'un fiato, e che a ben vedere sfata anche alcuni miti sulla vera storia di Dracula, come ad esempio quello sulla vita del Conte alla luce del Sole. L'opera è composta da stralci di diari e note dei protagonisti (tra i quali, ovviamente, spiccano Jonathan Harker e sua moglie Mina, e il mitico professor Van Helsing), che ci fanno immergere nell'atmosfera dark-gotica del romanzo di quel genere per eccellenza. E nella storia ci troviamo ancor più a nostro agio - anche se sempre inquieti per ciò che leggiamo accadere ai personaggi - grazie alle interessanti e illuminanti note di Pezzini. E che dire delle illustrazioni, comprensive di foto e litografie, che ci accompagnano durante la lettura? 

domenica 3 gennaio 2021

The Midnight Sky (2020)

Ho iniziato il mio anno "cinematografico" (virgolette, ahimè, ancora d'obbligo) con "The Midnight Sky", il film diretto da (e con protagonista) George Clooney, disponibile su Netflix. Un film di Fantascienza Post-apocalittica abbastanza classico, e dunque decisamente nelle mie corde. La storia (ne parlo ovviamente senza spoiler), tratta dal libro "La distanza tra le Stelle" di Lily Brooks-Dalton (già messo in lista), è qui riportata in maniera abbastanza semplice e non certo originale, e ci porta nel 2049: l'astronomo Augustine Lofthouse, malato terminale, vive in isolamento in una stazione scientifica del Polo Nord, dopo una serie di cataclismi che hanno, sembra, reso la Terra del tutto inospitale. La sua missione sarà quella di mettersi in contatto con la nave spaziale Aether, di ritorno da una Missione su K-23 (un Satellite di Giove che sembra poter ospitare la vita), per fargli sapere che, visti gli ultimi sviluppi, tornare sulla Terra non è per niente una buona idea. Ma intanto Augustine, nella stazione scientifica, sembra non essere solo...

sabato 2 gennaio 2021

Le Canzoni della Sera (Volume 25)

Cominciamo il nuovo anno in Musica...
Superate le 600 Canzoni della Sera, sono andato a scorrere la lista di tutti gli Artisti che ho pubblicato in questi mesi, e allora ho voluto provare a fare qualcosa di veramente nuovo per le successive 25 canzoni: perché, infatti, non pubblicare canzoni di Artisti mai pubblicati finora? È stato davvero stimolante e divertente andarmi a cercare gruppi e cantanti mai apparsi nelle 600 canzoni (mica poche!) pubblicate fino a questo momento, e il risulto è stato davvero interessante!
Si parte subito con i Cleopatrick, con un pezzo davvero potente, che mi ha conquistato al primo ascolto: "Hometown". Ma parlando di potenza, che dire di "Who I Am" di Shtevil? Ma se pensate che per andare a scovare Artisti mai pubblicati finora, la lista di queste 25 nuove canzoni non poteva contenere grandi classici e nomi altisonanti, vi sbagliate di grosso: ci sono, infatti, Elton John e la sua rockeggiante "Saturday Night’s Alright (For Fighting)"; gli Eagles con l'immortale "Hotel California", e il loro chitarrista storico, Joe Walsh con "Life's Been Good"; Elvis Presley con l'ipnotica "Fever"; Paul McCartney e gli Wings con "Live And Let Die"; Nick Cave con "Into the Arms"; e ancora Janis Joplin e Thin Lizzy, rispettivamente con le famosissime "Piece of My Heart" e "Whiskey In The Jar", che ascoltai per la prima volta in un'altra famosa cover, quella dei Metallica. E poi i Foghat con "I Just Want to Make Love to You". Ma tra i classici e i grandi nomi c'è da mettere anche gli Smiths con "Bigmouth Strikes Again"... e quasi, dico quasi, mi verrebbe da metterci anche i Blink 182 con "What's My Age Again?"; perdonatemi questo piccolo peccato di gioventù...

giovedì 31 dicembre 2020

BOOM!

Da bambino il giorno di San Silvestro era un giorno parecchio atteso. E non per il cenone, per il brindisi, per l'arrivo del nuovo anno o per il concertone/spettacolo in TV (sì, un tempo ci si accontentava davvero di poco). L'attesa, spasmodica, era per la Grande Notte dei Botti, che mi vedeva non soltanto spettatore (dalle mie parti d'origine sparano tutti e di tutto), ma anche assoluto protagonista. Rifornito di confezioni da 100 di "Svedesi" (e qualcuna anche di "Minerva", o di "Fiesta", o di "Raudi Tipo C-1", o di "Sandokan", o di "Viper 1"...), proprio come queste... 

(Questa era la confezione che si trovava più spesso nei Tabacchi del mio paese; inutile dirvi che, nonostante il divieto espressamente riportato anche sulla confezione, mi venivano vendute regolarmente.)

...pochi minuti prima della mezzanotte mi piazzavo sul balcone insieme a mio nonno e, allo scattare del nuovo anno... FUOCO! Fino a far salire una vera e propria nebbia all'odore di polvere da sparo. 
Oggi come oggi mi viene da riflettere su una cosa: possibile che i miei genitori non dicessero nulla? Cioè: possibile che mio padre e mia madre permettessero a mio nonno di prendermi come apprendista fochista, all'età di 9, 10, 11 anni, e farmi maneggiare petardi, razzi, e qualche anno dopo, anche vere e proprie mini batterie di fuoco? Incredibile come siano cambiati i tempi, perché non ero l'unico bambino a farlo. Oggi, in quanti permetterebbero a un bambino di 10 anni di giocare con quella roba? E mi ci divertivo non soltanto nella notte di San Silvestro (quella era dedicata, appunto, allo show con mio nonno), ma anche e soprattutto durante l'intero periodo natalizio. Se ci penso adesso, mi ritengo davvero fortunato a ritrovarmi ancora con 10 dita. Perché, sia chiaro, non ci si limitava soltanto a sparare, ma ci si sfidava in robe davvero assurde. Per esempio:

lunedì 28 dicembre 2020

The Knick (Stagioni 1 e 2)

Passata, a quanto pare, decisamente in sordina, trovo che "The Knick" sia una delle Serie TV più sottovalutate della storia. Girata bene, recitata ancor meglio, e con una storia davvero interessante, ci sono rimasto davvero male quando ho scoperto che la Serie era stata cancellata dopo appena 2 Stagioni; incredibile, poi, vedere rinnovi su rinnovi di prodotti davvero imbarazzanti. Ma comanda il mercato, il pubblico, e allora (in)giusto così. 
Ma parlando della Serie (come sempre senza Spoiler): se "Mindhunter" (cancelleranno anche questa dopo 2 Stagioni?!) ci raccontava di com'è nato lo studio dei Serial Killer (e del ruolo del Profiler), in "The Knick" assistiamo agli albori della chirurgia moderna. Nella New York del 1900, il geniale dottor John Thackery (un ottimo Clive Owen), conosciuto soprattutto per le sue tecniche innovative, si ritrova a capo del reparto di Chirurgia del Knickerbocker Hospital, conosciuto più semplicemente come "The Knick", dopo il suicidio del suo mentore J.M. Christiansen. L'ospedale di Thackery è gestito da Cornelia Robertson, che prova a risolvere i grossi problemi di indebitamento attirando pazienti facoltosi. La stessa Cornelia, però, si ritroverà a far entrare nell'équipe di Thackery il giovane Algernon Edwards; e sarà questo uno degli aspetti più interessanti della Serie TV, visto che il dottor Edwards è un medico davvero particolare per la New York di inizio secolo. Stiamo parlando, infatti, di un afro-americano. E sarà lo stesso dottor Thackery (e, come possiamo immaginare, non solo...) a non sposare in pieno la scelta di Cornelia. Una scelta, tornando a calarci nel particolare periodo storico, di una giovane donna a capo di un intero ospedale...  

sabato 26 dicembre 2020

Soul (2020)

Per il Film della Notte di Natale, la scelta (semplice) è caduta sul fresco di pubblicazione "Soul" su Disney+. Niente cartone di Natale al Cinema, quest'anno, e allora belli comodi sul divano. E senza schiamazzi infantili, risatine, e rumori di masticazioni varie, direi che ho apprezzato decisamente di più questa visione casalinga rispetto alle ultime cinematografiche; almeno per quanto concerne questo tipo di film.
Ma che tipo di opera è "Soul"? Innanzitutto è un film d'animazione Pixar davvero spettacolare. Bello, bellissimo da vedere, con animazioni pazzesche e trovate fantasiose stupende. La storia, poi, riempie ottimamente la sfavillante confezione: Joe Gardner, un insegnante di Musica delle medie, non si sente pienamente realizzato a livello professionale. Sogna infatti di diventare un Musicista Jazz, e, caso vuole, che questa possibilità gli si presenti proprio nel momento in cui potrebbe accontentarsi del posto fisso come professore, tanto sponsorizzato anche dalla mamma. Joe, allora, si troverà davanti a una scelta difficile; ma non difficile quanto la situazione in cui si ritroverà catapultato improvvisamente mentre sprizza felicità da ogni poro per la realizzazione di uno dei suoi sogni da Musicista...

venerdì 25 dicembre 2020

Due Puntini Luminosi

È Natale. Nel cielo non abbiamo la "Stella Cometa" che ci indica Betlemme, ma qualcosa di simile a quello che, probabilmente, c'era davvero nel cielo circa 2000 anni fa: la congiunzione Giove-Saturno. Il 21 dicembre, nel momento di massima vicinanza apparente (precisiamo) tra i due corpi celesti nel nostro cielo, ho potuto soltanto dare qualche sguardo a una diretta su Youtube, visto che mi trovavo in viaggio in macchina (ma va?) tra Vicenza e Reggio Emilia. Nel cielo oltre il parabrezza, invece, nuvole e foschia. In realtà poco male, perché a occhio nudo la differenza tra ciò che si poteva vedere quella sera, e ciò che avevo già visto le sere prima (e quella subito dopo) era davvero minima. Senza alcuno strumento, infatti, nel cielo della sera i due puntini luminosi di Giove e Saturno si vedevano molto, molto ravvicinati, tanto da dover prestare particolare attenzione per distinguerli entrambi; per la cronaca, Saturno è ovviamente il meno luminoso. Diverso lo spettacolo osservato attraverso un Telescopio, anche modesto. Ecco, infatti, ciò che si poteva (e si può ancora) vedere nell'oculare di un Telescopio, in questo caso di un gran Telescopio:

giovedì 24 dicembre 2020

Appuntamenti (im)perdibili

Ok, è ora di annunciarlo pubblicamente. Anche perché immagino che l'internet non aspettasse altra dichiarazione che questa: non ho mai visto "Una Poltrona per Due". Bene. L'ho detto. Ma, facendo ricorso a tutto il coraggio che è in me, devo anche aggiungere che non ho neanche idea di cosa racconti il film. Sarà perché (altra dichiarazione shock, lo so...) Eddie Murphy mi sta un po' sulle palle, sarà perché (forse mi sbaglio, eh... magari è un capolavoro) dal trailer che ho visto mille volte mi è sempre sembrato una mezza cagata, e sarà anche perché questo film mi ha sempre dato l'idea di essere uno di quei film soprattutto per gente che i film solitamente non li guarda (al pari di chi va - o andava - al Cinema solo per vedersi Zalone o i Cinepanottoni) buttandosi poi a capofitto nella visione di questo o quel titolo soltanto perché deve essere visto, penso che questo film per me sia fuori portata. 
Ok, finalmente l'ho detto. Anzi, scritto. Nero su bianco; o meglio, rosso su azzurro. E adesso...

martedì 22 dicembre 2020

Carte da Gioco: Le Carte d'Oro di Topolino

Un anno dopo l'uscita del Mazzo di Carte della Colgate Junior per Topolino, ecco che al settimanale disneyano viene allegato un nuovo Mazzo di Carte, stavolta senza sponsor. Si tratta delle Carte d'Oro di Topolino, uscite nell'estate del 1992. Il mazzo, ancora una volta della Modiano, è composto da 54 carte (2 Jolly) più una che lo presenta, e segue più o meno la particolarità del precedente, con gli Assi e le Figure a tema Topolino. Ma andiamo nello specifico, a cominciare dal contenitore: