sabato 9 gennaio 2021

It Comes at Night (2017)

Esplorando il Catalogo dei Film Horror presenti su Prime Video, mi sono imbattuto in "It Comes at Night", che veniva così descritto: "Un padre non si ferma di fronte a nulla per proteggere la moglie e il figlio da una presenza che li terrorizza". La mia attenzione, da buon amante degli Horror, si è concentrata sulle ultime quattro parole: presenza che li terrorizza. È così che mi sono deciso a guardarlo, e dopo un'ora e mezza circa di visione, la prima cosa che mi viene da scrivere in questo post è di lasciar perdere quella descrizione. Il film, in realtà, non è propriamente un Horror. Ha i suoi bei momenti di tensione, certo, ma qui ci troviamo di fronte a un classico film "post-apocalittico". La Società intera, infatti, sembra essere stata contagiata da una malattia letale e misteriosa, che l'ha decimata. Qui però seguiamo le vicende di una sola famiglia, quella di Paul, che con sua moglie Sarah e il loro figlio adolescente Travis, vive isolata in una casa nei boschi. Il film si apre con una scena subito forte: la sorte di un altro membro della famiglia, il vecchio Bud, contagiato e malato. 

Come già detto, in questo film non manca una certa dose di tensione (e qualche scena che, sì, strizza l'occhio agli Horror), che viene amplificata da una scelta narrativa - giusta o sbagliata lo deciderà soggettivamente lo spettatore - che tende a mostrarci ciò che si trova al di fuori di quella casa in maniera molto, molto oscura. E se da una parte questa scelta potrebbe inizialmente sembrare sbagliata, o addirittura snervante, penso che col tempo riesca a dare al film qualcosa in più. Ma qui, ovviamente, entriamo nell'ambito dei gusti personali, perché per quanto mi riguarda non ho mai amato gli spiegoni e le verità buttate oscenamente davanti agli occhi dello spettatore. E se mistero e tensione devono esserci, allora che ci siano, con quel senso di pericolo e di paura dell'ignoto che resterà fino alla fine.
Già, il finale. Buono, direi, e forse l'unico davvero accettabile e coerente per un tipo di film come questo. 
(VOTO: 6,5 - Non aprite quella Porta. Rossa)

9 commenti:

  1. C'è qualcosa che mi sfugge :D
    Ho letto il cineracconto e mi sembra che ci sia dell'illogicità nella storia, magari te lo dico in privato.
    Comunque son stati furbi a ripescare questo film del 2017 e a metterlo nel catalogo :D

    RispondiElimina
  2. Aspetto allora! :D
    Furbi visto il periodo, direi... azzecatissimo 😅

    RispondiElimina
  3. Furbi , periodo ...c’è na pandemia anche la?
    All’inizio l’avevo confuso con It follows altro horror forse dello stesso periodo.
    Non l’ho visto ma dalla tua recensione ricorda forse un po’ The road per lo scenario apocalittico.
    Ho visto che hai cancellato Olivia, hai fatto bene🤗

    RispondiElimina
  4. Ah...lo vedrò dai.
    Mi hai convinto e poi ti saprò dire.
    Ciao

    RispondiElimina
  5. Non mi sembra niente di che. Soggetto già visto e trama abbastanza canonica. Lo metto in lista ma non in cima perché comunque sono curioso.

    RispondiElimina
  6. Ma che erano quei commenti deliranti che ho visto prima? :o
    Quello sì che è horror...
    Comunque, sì: mi sembra di averlo visto (distrattamente) su qualche canale tipo Raimovie, ricordo di questa famiglia che viveva isolata... e mi chiedevo anche io perché fosse l'ennesimo postapocalittico, anche se dal titolo non sembrava.
    Però non ricordo il fuori, l'ignoto, se c'era un plot twist...

    Moz-

    RispondiElimina
  7. Non capisco cosa voglia dire.

    RispondiElimina
  8. @MAX: non è chiaro cosa ci sia... ma di certo è contagioso :D "It follows" per me grandissimo film... e sì, diciamo che qui come in "The Road" tutto è ambientato in un contesto dov'è accaduto qualcosa di davvero terribile. Ma almeno qui c'è il sole... ;)
    Su Olivia: non ho nemmeno capito cosa volesse dimostrare, esattamente... ma va bene così.

    @Mick: confermo, niente di così originale. Ma tra la tanta robaccia in circolazione a tema, qualcosa di buono in questo film l'ho trovato.

    @Moz: eheheheh valla a capire certa gente...
    Il titolo comunque è davvero fuorviante, anche se un senso alla fine c'è, ovvio. Ma ti fa credere di star per vedere un altro tipo di film. E per quanto riguarda il finale ... (SPOILER) ... direi proprio di no, nessun colpo di scena né chiarimenti riguardo l'esterno.

    @Gus: cosa? Il film o la tizia che ho cancellato? 😅

    RispondiElimina
  9. "Gus O. ha detto...
    Non capisco cosa voglia dire".

    Non ricordo di aver scritto questa cosa strana.

    RispondiElimina