domenica 23 giugno 2019

Sarrismo - Gioia e Delusione

Sono un tifoso del Napoli, molto, molto semplice.
Fatta questa premessa, è inutile che mi si parli di professionismo. Io, ripeto, sono un tifoso. Il calcio non mi dà da mangiare, anzi... direi che mi toglie qualche euro. Il calcio mi dà emozioni, e questo ha poco a che fare col professionismo. Dunque: sono deluso dalla scelta di Sarri? Sì, tanto. Tantissimo. 
Reputo Sarri un traditore? Sì, sì e ancora sì. E no, non me ne frega niente del professionismo, l'ho già detto. Che Sarri sia un professionista che di fronte all'offerta di una grande squadra non poteva dire di no non mi interessa. Minimamente. Io da tifoso ragiono in maniera diversa. Devo ragionare in maniera diversa, altrimenti non si parlerebbe di passione. Io da tifoso ricordo il Napoli di Sarri, le parole di Sarri, gli atteggiamenti di Sarri. Di quel Sarri. E a quel Sarri mi sento legato, da quel Sarri mi sento tradito. 
Per me il Palazzo non rappresentava lo Scudetto. Per me, per noi, per il Napoli di Sarri, checché se ne dica, il Palazzo rappresentava altro. Il Palazzo rappresentava un sistema, anzi, il Sistema. E che oggi, da qualche giorno, in quel Palazzo Maurizio Sarri ci sia entrato dalla porta principale, aperta, spalancata, scendendo da un Jet privato, non cambia il fatto (e non lo cambierà mai) che entrandoci un anno fa, con torce e forconi, abbattendola, quella porta, sarebbe stata tutta un'altra cosa. Persino per Sarri. Soprattutto per Sarri.
Ma, allora, cos'è successo? 
Non mi va di fare ipotesi. Sinceramente non mi va di saperlo. Ho soltanto voglia, quella sì, di ricordarmi di quei tre anni passati a lottare contro il Sistema per la conquista di un Palazzo che in definitiva avevamo conquistato. E il fatto che oggi, a distanza di soltanto un anno, quel Palazzo abbia spalancato le porte a quel Comandante ne è la dimostrazione. Sì, a quel Comandante che oggi ha deciso di gettare le armi, la divisa, la tuta.
Addio Comandante, è stato bello lottare contro tutto e tutti. Noi continueremo a farlo. Continueremo da oggi ancora contro il Sistema e, quindi, anche contro di te. E sarebbe bello, davvero bellissimo sfondare quella porta e guardare la tua faccia.
Forza Napoli Sempre.

sabato 22 giugno 2019

Bird Box (2018)

Il problema di film come questo è sempre lo stesso: lo sviluppo. 
In "Bird Box" troviamo l'arrivo di misteriose Entità che, una volta palesatesi al povero sventurato, lo costringono a suicidarsi. Entità astratte, eteree, inizialmente invisibili, e quindi impossibili da evitare e...
Ah, no....
In effetti per sfuggire a queste creature basta chiudersi in casa. Sì, avete capito bene: rispettano la proprietà privata. Oppure non sono poi così terrificanti, così in gamba, visto che per tenerle fuori basta chiudersi una porta alle spalle. Anche senza un lucchetto.
Ecco. Superato il primo, grande, enorme problema di tenuta della storia (non ho letto il libro da cui è tratto il film, ma visto che sembra essergli abbastanza fedele, non credo che lo leggerò mai), ne arrivano altri che costringono lo spettatore a spegnere il cervello. Metterlo su OFF è l'unico modo per poter andare avanti, perché, come anticipato nella prima riga di questo post, è una gran figata presentare una storia in cui Creature Misteriose si aggirano per il mondo seminando una serie di suicidi di massa dopo averle appena intraviste... ma poi 'sta figata devi portarmela avanti e svilupparla in modo credibile. Cioè...



(SPOILER)


domenica 16 giugno 2019

Catch 22 - Il Paradosso della Guerra

Il fantomatico "Comma 22" recita, testualmente: "Chi è pazzo può chiedere di essere esentato dalle missioni di volo, ma chi chiede di essere esentato dalle missioni di volo non è pazzo".
Ambientata durante la Seconda Guerra Mondiale, in Italia, la Mini-Serie prodotta da George Clooney in 6 episodi racconta la storia del soldato John "Yo Yo" Yossarian, che, missione dopo missione, vedrà allontanarsi ogni volta la possibilità di tornare a casa sano e salvo per colpa del limite di missioni da fare che, per vari motivi, salirà di continuo. Ecco allora che il giovane soldato americano, circondato dall'orrore della morte dei suoi compagni di missione, le proverà tutte per cercare di venire rispedito a casa, appellandosi anche al mitico Comma 22.
Tra momenti divertenti e altri decisamente drammatici, questa Serie tratta dal romanzo di Joseph Heller mi è piaciuta parecchio. Certo, non perfetta (forse a un passo, un piccolo sforzo dalla perfezione), la storia è riuscita a rapirmi e a farmi respirare l'aria rarefatta che quei soldati respiravano lì tra un volo e un altro. Inquietudine, rassegnazione, speranza, follia, violenza e spensieratezza a tratti. Tutto questo è "Catch 22". Tutto questo è, in definitiva, la Guerra.
(VOTO: 8 - Ancora una Missione)

sabato 15 giugno 2019

"La Febbre" in Z di Zombie 2019

Un mio racconto, "La Febbre", è stato inserito nell'Antologia a tema Zombie "Z di Zombie 2019"
E a proposito: state attenti ai morsi quest'estate. E non sto parlando di quelli delle zanzare; non solo. E se vi dovesse capitare di sentirvi leggermente febbricitanti, io una capatina al Pronto Soccorso la farei per sicurezza. Nella peggiore delle ipotesi... vuoi mettere quanta carne fresca si troverebbe?
Ecco i link di Letteratura Horror dove troverete tutte le informazioni sull'Antologia, e quello per acquistarla:

martedì 21 maggio 2019

Le Canzoni della Sera (Volume 2)

C'è chi inizia la giornata ascoltando Musica, e chi con la Musica la chiude. Io appartengo a questa seconda categoria, visto che al mattino, è più forte di me, ho bisogno di silenzio per potermi allineare al Mondo che mi gira intorno. 
Ecco quindi altre 25 Canzoni che ultimamente hanno chiuso le mie giornate:

#026 Sia - Breathe Me (18-apr-19)
#027 Tre Allegri Ragazzi Morti - La Faccia della Luna (19-apr-19)
#028 Placebo - Special Needs (20-apr-19)
#029 CCCP Fedeli alla linea - A ja ljublju SSSR (21-apr-19)
#030 Deep Purple - Hush (22-apr-19)
#031 No Doubt - Just a Girl (23-apr-19)
#032 The Smashing Pumpkins - Tonight, Tonight (24-apr-19)
#033 Marlene Kuntz & Skin - Bella Ciao (25-apr-19)
#034 Anouk - Nobody's Wife (26-apr-19)
#035 Iron Maiden - Fear of the Dark (27-apr-19)
#036 Fleetwood Mac - Go Your Own Way (28-apr-19)
#037 Of Monsters And Men - Dirty Paws (29-apr-19)
#038 Alice In Chains - Nutshell (30-apr-19)
#039 Green Day - Working Class Hero (01-mag-19)
#040 Led Zeppelin - Immigrant Song (02-mag-19)
#041 Marlene Kuntz - Canzone di Oggi (03-mag-19)
#042 David Bowie - Starman (04-mag-19)
#043 Franco Battiato - Odore di Polvere di Sparo (05-mag-19)
#044 Bruce Springsteen - The Ghost of Tom Joad (06-mag-19)
#045 Ozzy Osbourne - Crazy Train (07-mag-19)
#046 The Cardigans - My Favourite Game (08-mag-19)
#047 Modena City Ramblers - I Cento Passi (09-mag-19)
#048 The Amazons - Mother (10-mag-19)
#049 Santigold - L.E.S Artistes (11-mag-19)
#050 The Rolling Stones - Paint It, Black (12-mag-19)

giovedì 16 maggio 2019

Politically Sonic

Per i fan di Sonic, il leggendario protagonista del famosissimo videogioco degli Anni '90, la notizia di un film sul Riccio Blu dev'essere stata una gran cosa. Certo è che, all'uscita del Trailer, tutti hanno storto il naso vedendo la trasposizione cinematografica dell'eroe digitale. E diciamocela tutta... il risultato in effetti è decisamente brutto...
Al plebiscito sdegnato dei fan, allora, il Regista del film, Jeff Fowler, ha risposto via Twitter così: "Grazie per il sostegno. E per le critiche. Il messaggio è forte e chiaro. Non siete soddisfatti del design e volete delle modifiche. E così accadrà. Tutti alla Paramount e a Sega si impegnano al massimo per rendere al meglio questo personaggio."
Perfetto. Dietrofront. Il fan vince. E questa è una scelta che se per certi versi apprezzo, per altri non condivido, visto che sono dell'idea che un'opera, in qualsiasi sua forma, va portata avanti secondo l'idea del creatore. Il pubblico, poi, sarà libero di amarla o criticarla, apprezzarla od odiarla, ma accontentare sempre e comunque il pubblico (in questo caso addirittura potenziale) non sempre porta a grandi risultati, come abbiamo avuto modo di vedere con alcune scelte soprattutto riguardanti Serie TV.
Ma veniamo al sodo: perché sto scrivendo questo post? Perché sono un fan di Sonic? Del regista? O forse sono un grande amante dei videogames?
Di videogiochi lo ero, e un po' lo sono ancora, ma soltanto per quelli "retro". Ma il post che sto scrivendo è nato da un parallelismo che mi è venuto spontaneo, dopo uno dei miei tanti cazzeggi mentali.
Dopo il cinguettio del povero Fowler, infatti, la mia mente è subito corsa al classico Deluso dalla Sinistra e dal Piddì che alle scorse elezioni si è tuffato a capofitto nel vortice del cambiamento dei 5 Stelle, al grido di "Peggio di così..." (che in effetti, poi, fa rima anche con "E allora il Piddì?!).
Ma la risposta al loro Peggio di Così è arrivata con il Trailer del Governo del Cambiamento Giallo-Verde, di matrice Salviniana. E, diciamocela tutta, al pari dei fan di Sonic non dev'essere stato un bel vedere per il Deluso della Sinistra. Sempre che di Deluso della Sinistra si stia parlando... perché faccio sempre molta fatica a capire come una persona di Sinistra possa aver scelto di votare un Partito, mi scuso, Movimento come quello dei 5 Stelle; ancor di più continuando a sostenerlo dopo l'alleanza con Capitan Porto Chiuso. Ma sto divagando...
Insomma, il Trailer del Governo Giallo-Verde dev'essere stato per i Delusi di Sinistra un po' come quello di Sonic - Il Film per i suoi fans. Ma se per il secondo l'intervento del Regista sembra poter cambiare in meglio la situazione (o almeno provarci), cosa mai potrà cambiarla quella del primo?
Forse il ritorno della Sinistra. Forse.
Intanto, all'orizzonte, di vera Sinistra ne vedo poca. Di vero Sonic nel Film, pure.

venerdì 3 maggio 2019

Love, Death & Robots

Quando, guardando una Serie TV, non riesci a staccarti un attimo e continui ad andare avanti, episodio dopo episodio, in barba al tempo e alla stanchezza, vuol dire che ti trovi davanti a un gran prodotto. Mi è successo, qualche anno fa, con "Lost", e mi è successo di nuovo ultimamente, con "Love, Death & Robots". Rispetto alla Serie TV sui sopravvissuti al disastro aereo del Volo 815 dell'Oceanic Airlines, però, la nuova Serie di Netflix ha senza ombra di dubbio un gran vantaggio riguardo il tempo da dedicare alla visione: tutti gli Episodi della Serie Animata sono infatti brevi, da un minimo di 5 minuti a un massimo di 18, più o meno. In più, LDR non è una vera e propria Serie, ma un'antologia di brevi Episodi Animati tutti autonomi, senza collegamenti tra loro e, ancor meglio, dagli stili totalmente diversi. Bella, bella davvero. Una delle cose più belle che ho avuto modo di vedere negli ultimi tempi. E se tra tutte le 18 mini storie dell'Antologia ce ne sono anche alcune meno riuscite di altre, vale la pena guardarle tutte, senza, consiglio personalissimo, andarsi a leggere l'anteprima dell'Episodio che ci offre Netflix; alcune sono così brevi che in pratica è tutto scritto lì.
Per concludere: non stiamo ovviamente parlando di un prodotto per ragazzini. Gli argomenti trattati sono orientati verso un pubblico adulto; del resto... non esistono più i cartoni di una volta!
I miei episodi preferiti: "Oltre Aquila" (non c'è niente da fare: sono un Innamorato di Fantascienza Semplice), "La Testimone" e "Guerra Segreta".
Quelli che meno mi hanno entusiasmato: "Alternative Storiche" e "Punto Cieco".
Il più particolare: "L'Era Glaciale"... perché in una Serie Antologica come questa, ritrovarsi un episodio con attori in carne e ossa è una vera e propria sorpresa! Una bella sorpresa, poi, se l'attrice è Mary Elizabeth Winstead 💓
Buona visione.
(VOTO: 10 - Tanta Roba)

lunedì 29 aprile 2019

La Llorona - Le Lacrime del Male (2019)

E mentre la gente intorno a me lottava per accaparrasi gli ultimi, peggiori posti per guardarsi "Avengers: Endgame", ho deciso di aspettare ancora un po' per godermelo al meglio, quando le acque si saranno calmate e le sale svuotate, senza dovermi accontentare di un posto sotto lo schermo, all'estrema destra o sinistra o, perché no, sulle scale. E allora domenica, mentre sul display della disponibilità dei posti in sala proprio quella di Endgame mostrava un inquitante -2 (cosa vuol dire -2?! Stiamo davvero parlando di un posto sui gradini?!), io e mia moglie siamo andati a vedere un onestissimo Horror: "La Llorona - Le Lacrime del Male". Non è un capolavoro, questo è certo, ma è godibile. Negli ultimi anni ho sempre accolto con piacere dei buoni prodotti in ambito Horror, perché, si sa, di robaccia al riguardo ne esce tanta; e "La Llorona", collegato tra l'altro al "Mondo di Conjuring", non è robaccia. Ben recitato, con una storia che riprende una leggenda del folclore dell'America Latina molto interessante, il film di Michael Chaves si lascia guardare con molto piacere, arrivando ben presto a una conclusione abbastanza prevedibile ma in linea con tutto il resto del film. 
Ultimo appunto: mi aspettavo qualche "salto dalla sedia" in più. 
Se avete voglia di aspettare come me qualche altro giorno per tuffarvi al meglio nel Mondo Marvel, potete farlo comunque al Cinema, con film come questi. Altrimenti, potrebbe essere rimasto un posto in basso a sinistra sotto il cartello "EXIT" e la porta del bagno a portata di mano. Buona visione.
(VOTO: 6,5 - Non per Genitori Apprensivi)

giovedì 25 aprile 2019

Libertà ai Porci

Un anno intero a inveire contro i diversi, a invocare chiusure a destra e manca (soprattutto a manca), ad alzare braccia destre e a impugnare o soltanto sognare di impugnare un'arma. Un anno intero a seguire il loro Capitan Rancore, a indignarsi per qualsiasi cosa, a distinguere il bianco dal nero ma non certo il giusto dallo sbagliato. Un anno intero a pisciare sulla libertà di ognuno, perché per loro la libertà è una questione intima intrisa d'odio: ciò che piace a loro deve piacere anche a te, altrimenti sei fuori. Un anno intero a rompere le palle al prossimo ringhiando su una tastiera che magari sapessero usare. 
E poi arriva il 25 aprile
Lo ammetto: tollero quasi di più (quasi) la gente che della Festa della Liberazione non se ne frega nulla, rispetto ai sopracitati che la "festeggiano" con i loro soliti post e tag. Santo cielo... abbiate la decenza di tacere, almeno per un giorno, soltanto uno, per poi tornare a sparare le vostre stronzate quotidiane da fascisti ritardati (mi scuserete per i due sinonimi in fila) che, sappiatelo, avete la libertà di fare soltanto grazie al ricordo di giornate come questa.

giovedì 18 aprile 2019

Le Canzoni della Sera (Volume 1)

Da quasi un mese ho deciso di pubblicare sui miei profili Social, oltre alle solite cazzate, una canzone a sera/notte. A volte la canzone riprende episodi personali o sociali capitati durante la giornata (come ad esempio la "Black Hole Sun" dei Soundgarden il 10 aprile, il giorno del "Buco Nero"), mentre altre volte semplicemente mi va di chiudere la giornata in quella maniera, ascoltando quella determinata canzone. Sono tutte canzoni che mi piacciono, alcune di più, alcune di meno, ma che ascolto e ho sempre ascoltato con piacere. Grandi classici, infatuazioni giovanili, o scoperte recenti e recentissime. Ed ecco, dunque, la Track-List delle mie ultime 25 sere in musica. E un ascolto, ovviamente, ve lo consiglio: 

#001 Leonard Cohen - Nevermind (23-mar-19)
#002 Dire Straits - Money For Nothing (25-mar-19)
#003 White Lies - Tokyo (26-mar-19)
#004 The Smashing Pumpkins - Knights of Malta (27-mar-19)
#005 Vance Joy - Riptide (28-mar-19)
#006 Punkreas - Voglio Armarmi (29-mar-19)
#007 Pink Floyd - High Hopes (30-mar-19)
#008 Alice Merton - Lash Out (31-mar-19)
#009 Blue Oyster Cult - (Don't Fear) The Reaper (01-apr-19)
#010 Led Zeppelin - Stairway to Heaven (02-apr-19)
#011 The Zen Circus - It's Paradise (03-apr-19)
#012 Nightwish - Amaranth (04-apr-19)
#013 Nirvana - The Man Who Sold The World (MTV Unplugged) (05-apr-19)
#014 Subsonica - Discolabirinto (06-apr-19)
#015 Marlene Kuntz - Monna Lisa (07-apr-19)
#016 LP - Into The Wild (08-apr-19)
#017 The Verve - Bitter Sweet Symphony (09-apr-19)
#018 Soundgarden - Black Hole Sun (10-apr-19)
#019 The Clash - London Calling (11-apr-19)
#020 AWOLNATION - Kill Your Heroes (12-apr-19)
#021 Tame Impala - The Less I Know The Better (13-apr-19)
#022 Patti Smith - Because The Night (14-apr-19)
#023 Litfiba - Paname (15-apr-19)
#024 Negrita - Gioia Infinita (16-apr-19)
#025 Rammstein - Sonne (17-apr-19)

domenica 14 aprile 2019

Noi (2019)

Il secondo film è sempre il più difficile, nella carriera di un regista (l'ho scritta cantandola come Caparezza in "Il Secondo Secondo Me"), e se il Rapper Pugliese riuscì nell'impresa di sfornare un grande lavoro, decisamente migliore del primo, lo stesso non possiamo dire per Jordan Peele, che con "Noi" era al suo secondo film. Rispetto a "Scappa - Get Out", infatti, il nuovo lavoro del regista statunitense ha fatto un passo - forse anche qualcuno in più - indietro. "Noi" è un'accozzaglia di cose che speri, durante la visione del film, abbiano un senso, o almeno un risultato che quantomeno gli si avvicini. Invece nulla. E mi dispiace davvero doverlo ammettere, perché ero partito da casa, diretto al Cinema, con le migliori aspettative. C'è da dire che anche in "Get Out" c'era stata più di una forzatura, ma nel complesso quel film, visto per quello che era, ovvero un'opera cinematografica, una storia dunque che per principio parte con l'accompagnamento da parte dello spettatore di una minima e accettabile sospensione dell'incredulità, poteva essere credibile; in "Noi" si va davvero oltre. Tutto, davvero tutto non ha un senso logico. Idea forse carina, ma a mio parere non proprio originale, con una buona regia e un'ottima prova degli attori, ma che nel soggetto lascia lacune grandi come il Buco Nero che abbiamo visto finalmente in una foto (non proprio foto ma bellissima comunque) qualche giorno fa. E se per qualcuno, leggendo qua e là nei vari commenti sul web, il film si salva grazie al colpo di scena finale... a questo punto mi viene naturale chiedermi cosa siano abituati a vedere questi simpatici spettatori. Dunque, prima di passare alla seconda parte del post, con Spoiler a cominciare proprio da quell'incredibile "colpo di scena" finale, una conclusione per chi il film non l'ha visto: se proprio volete guardarlo, non fate come me... e affrontatelo in maniera del tutto scanzonata e senza chiedere troppo alla vostra intelligenza.


(SPOILER)

sabato 13 aprile 2019

Orphan Black (Stagioni 1-5)

Non avrei mai pensato, dopo il 1° Episodio, di arrivare fino in fondo, fino al 50°. Eppure è successo. 
"Orphan Black" non è certo una di quelle Serie TV che resteranno nella storia. Ha molti difetti, a cominciare da una trama che subito si avvia verso l'inverosimile (ecco la mia titubanza iniziale) e si conclude nell'inverosimile, ma uno sguardo, questa Serie, a mio parere lo merita. Lo merita per l'intrattenimento, tra il serio e il meno serio, che intriga e poi fa sorridere; lo merita per l'aver preso coscienza, a un certo punto, di esser giunti alla fine e di finirla davvero, senza lasciarci orfani di un vero finale; e lo merita, soprattutto, per la grandissima prova dell'attrice protagonista, Tatiana Maslany, che nella parte dei vari personaggi che sfileranno lungo tutta la (troppo) lunga storia se la cava non bene, ma benissimo. È incredibile come l'attrice riesca a farci credere di essere, in quel momento, davvero l'inquieta Sarah e non la folle Helena, o l'isterica Alison invece della dolce Cosima. Insomma... credo che un'occhiata la meriti anche soltanto per poter apprezzare le tante sfumature, riuscitissime, che l'attrice riesce a imprimere a ogni suo personaggio. E proprio riguardo la sua interpretazione, Tatiana Maslany ha dichiarato di avere una playlist da ascoltare prima dell'entrata in scena per ogni personaggio che si affrontava a interpretare. Il potere della Musica.
Cos'altro aggiungere? Se amate i complotti, le cospirazioni, le teorie evoluzionistiche... questa è la Serie che fa per voi. Senza aspettarvi, ovviamente, un capolavoro alla "Breaking Bad", perdonandogli difetti e qualche assurdità... in nome dell'intrattenimento. E di Sestra Tatiana.
(VOTO: 6,5 - Orfani di Orphan Black)

domenica 7 aprile 2019

Lobby Segreta dei Cinema Controituoigusti

Se con "La Casa di Jack" un po' me l'aspettavo, mi ha sorpreso invece non trovare un Cinema, un solo Cinema in tutta la provincia che proiettasse "Border". A quanto pare la Lobby Segreta dei Cinema Controituoigusti ce l'ha particolarmente con i miei. 
Perché anche stavolta? Cosa ho fatto di male per meritarmi settimane di programmazione di "Un Viaggio a 4 Zampe" e nemmeno un unico, singolo spettacolo di "La Casa di Jack" o "Border"?
Cara Lobby Segreta dei Cinema Controituoigusti ti sei fatta un nemico. E sono già pronto a un gesto estremo: non boicottatemi il prossimo filmcheaspettoconansia o per la mia Cinema Card... sarà la fine!
E non ne sottoscriverò altre!
O lo farò e giustizierò anche quelle!

sabato 30 marzo 2019

Ritorno all'Ora Medievale

Se amate i Giochi di Ruolo, e avete voglia di fare un tuffo nel passato, ritrovandovi così nel bel mezzo di una folla scalpitante di popolani medievali, spero non vi stiate perdendo oggi l'appuntamento a Verona, nel cosiddetto "Congresso delle Famiglie". Ovviamente è tutta una messinscena. Le persone che troverete a Verona oggi non sono davvero nostri contemporanei. Si racconta, infatti, che grazie a un enorme macchinario custodito in un Laboratorio Segreto sotto Predappio, Nostalgici Scienziati siano riusciti ad aprire un Tunnel Spazio-Tempo nel Medioevo, riuscendo così a portare, nel nostro presente, tutte le persone presenti oggi al Congresso. Se vi capiterà di ritrovarvi a non capire queste persone, per il loro linguaggio cavernicolo e le loro idee primitive, niente paura: ricordate, non vivono nel nostro Presente!
Siamo seri: quale essere umano evoluto oggi, nel 2019, potrebbe mai pensare cose del tipo... che l'omosessualità è una malattia, che l'unica famiglia "accettabile" (e chi mai saranno! Dèi?) è quella "naturale", o altre simili stronzate? Su! Se nei prossimi giorni doveste imbattervi in personaggi simili, o l'avete già fatto in passato, sappiate che della Macchina Spazio-Temporale sotto Predappio si sa davvero poco; forse quel Tunnel collegato al Medioevo è aperto già da tempo, e loro, i Medievali, sono tra noi già da un po'. 
Ecco, così mi spiegherei tante cose. 
Soltanto così. 
Ahimè. 

venerdì 29 marzo 2019

TERRAPIATTA: Il Tondo Complotto!

Esistono davvero. Sì, davvero.
I Terrapiattisti esistono sul serio, sono tra noi, hanno diritto di voto, li vediamo, magari ci parliamo, forse, addirittura, ci dicono cosa fare. Per i Terrapiattisti la Terra non è tonda, ma piatta. Sì, piatta. E sapete cosa vi dico? In barba a tutte le mie convinzioni, a tutto ciò che è stato dimostrato, a ciò che è dimostrabile e a ciò che sarà dimostrato in futuro, io una chance a questa gente gliela darei. Gliela darei se riuscissero a farmi capire il perché del "Complotto della Terra Tonda". Insomma... da secoli, secondo queste menti eccelse, i "Potenti" ci nascondono la verità. No, non sto parlando della formula segreta dell'Elisir di Lunga Vita, o di come tramutare il piombo in oro o, non so, della verità sull'esistenza o meno di una vita dopo la morte, o di Dio, o degli Alieni. Per queste persone, i "Potenti" ci nascondono il fatto che la Terra è Piatta.
Bene, Terrapiattista... permettimi una domanda, una sola domanda, e poi, giuro, magari provo a non prenderti più per il culo: PERCHÉ?!
Perché tra tutti i misteri più misteriosi del misterioso Universo che ci circonda, questa oscura e spietata cerchia di "Potenti" dovrebbe nasconderci che la Terra è piatta? Cioè... se da bambino mi avessero insegnato che la Terra è piatta... bene, ok, nessun problema. Se una qualsiasi Astronave, Satellite, Macinino mandato là in alto nel cielo blu ci mostrasse da sempre che ci troviamo su una sorta di piatto sospeso nello Spazio... bene, ok, nessun problema. Per l'Essere Umano nudo e puro è di certo più difficile credere di trovarsi su una palla che gira, piuttosto che su un bel piatto livellato e fermo. Insomma... dove diavolo sta il Complotto?! Cosa diavolo pensate che sarebbe cambiato per il Genere Umano intero venire a sapere, da subito, che la Terra è piatta?
E allora ho provato a immaginarmi l'inizio della storia, l'inizio del Complotto. E, maledetta la mia fantasia, sapete che vi dico? Che in fondo, a pensarci bene, perché no? Forse potrebbe essere andata proprio così...

IL TONDO COMPLOTTO